English    Italiano

Fondazione Prada

Fondazione Prada was created in 1993 as a platform to analyze present times through the staging of contemporary art exhibitions as well as architecture, cinema and philosophy projects. Fondazione Prada staged 24 solo shows in Milan until 2010, featuring artists such as David Smith, Michael Heizer, Louise Bourgeois, Dan Flavin, Laurie Anderson, Walter De Maria, Francesco Vezzoli and Steve McQueen. Special external projects, including Carsten Höller’s ‘Double Club’ (2008) in London, the ‘Prada Transformer’ (2009) by OMA in Seoul, and Francesco Vezzoli’s ‘24h Museum’ (2012) in Paris, have received international acclaim.

In 2011 the Fondazione opened its Venetian venue at Ca’ Corner della Regina, a spectacular 18th-century palazzo on the Grand Canal in Venice. It was launched with a presentation of selected artworks from the Prada Collection, followed by thematic exhibitions such as ‘The Small Utopia. Ars Multiplicata’ (2012), ‘When Attitudes Become Form: Bern 1969/Venice 2013’ (2013), and ‘Art or Sound’ (2014).

Fondazione Prada’s new permanent Milan venue is scheduled to open to the public on 9 May 2015.

La Fondazione Prada è stata creata nel 1993 come luogo di analisi del nostro presente attraverso la produzione di mostre d’arte contemporanea e di progetti di architettura, cinema e filosofia. Fino al 2010 la Fondazione Prada ha presentato a Milano 24 mostre personali di importanti artisti tra i quali David Smith, Michael Heizer, Louise Bourgeois, Dan Flavin, Laurie Anderson, Walter De Maria, Francesco Vezzoli e Steve McQueen. I progetti speciali come “Double Club” di Carsten Höller a Londra (2008), “Prada Transformer” di OMA a Seoul (2009) e “24h Museum” di Francesco Vezzoli a Parigi (2012) hanno ricevuto un ampio consenso internazionale.

Nel 2011 la Fondazione ha inaugurato la propria sede di Venezia, a Ca’ Corner della Regina, un palazzo settecentesco affacciato sul Canal Grande, inaugurata con la presentazione di opere selezionate dalla Collezione Prada. In seguito sono state presentate le mostre tematiche “The Small Utopia. Ars Multiplicata” (2012), “When Attitudes Become Form: Bern 1969/Venice 2013” (2013) e “Art or Sound” (2014).

La nuova sede della Fondazione Prada a Milano aprirà al pubblico il 9 maggio 2015.

News

Fondazione Prada’s new Milan venue is scheduled to open to the public on 9 May 2015.

From May and throughout summer 2015, Fondazione Prada will present a wide range of activities. Robert Gober and Thomas Demand will realize site-specific installations in dialogue with the industrial architecture and the new spaces in the compound. Roman Polanski will explore the cinematographic inspirations behind his artistic vision, which will translate into a new documentary and a series of film screenings. Selections of artworks from the Prada Collection will be presented in a series of thematic exhibitions.

Exhibitions ‘Serial Classic’, in Milan (9 May - 24 August 2015), and ‘Portable Classic’, in Venice (9 May – 13 September 2015) both curated by Salvatore Settis—in collaboration with Anna Anguissola and Davide Gasparotto—will complete the program. These two projects, whose display system has been conceived by OMA, analyze the themes of seriality and the copy in classical art and the reproduction of small-scale Greek and Roman sculptures from the Renaissance to Neoclassicism, respectively.

La nuova sede della Fondazione Prada a Milano aprirà al pubblico sabato 9 maggio 2015.

Da maggio e nel corso dell’estate 2015, la Fondazione Prada presenterà un articolato programma. Robert Gober e Thomas Demand realizzeranno installazioni site-specific in dialogo con le architetture industriali e con i nuovi spazi. Roman Polanski esplorerà le suggestioni cinematografiche che hanno ispirato i suoi film in un progetto che si tradurrà in un documentario inedito e in una rassegna cinematografica. Selezioni di opere dalla Collezione Prada saranno presentate in esposizioni tematiche.

Le mostre “Serial Classic”, a Milano (9 maggio – 24 agosto 2015), e “Portable Classic”, a Venezia (9 maggio – 13 settembre 2015) – entrambe curate da Salvatore Settis, in collaborazione con Anna Anguissola e Davide Gasparotto – completeranno il programma. I due progetti espositivi, il cui allestimento è ideato da OMA, analizzano rispettivamente i temi della serialità e della copia nell’arte classica e della riproduzione in piccola scala della statuaria greco-romana dal Rinascimento al Neoclassicismo.

Milano

The new Milan venue, conceived by architecture firm OMA—led by Rem Koolhaas—expands the repertoire of spatial typologies in which art can be exhibited and shared with the public. Articulated by an architectural configuration which combines preexisting buildings with three new structures, it is the result of the transformation of a former distillery dating back to the 1910’s. Located in Largo Isarco, in the South of Milan, the compound has a gross surface area of 19,000 m2/205,000 ft2, of which 11,000 m2/118,000 ft2 is dedicated as exhibition space.

The entrance building will welcome visitors to two new facilities, developed through special collaborations: a kids’ area designed by a group of students from the École nationale supérieure d'architecture de Versailles, and a bar where director Wes Anderson has recreated the typical mood of old Milan cafés.

La nuova sede di Milano, progettata dallo studio di architettura OMA, guidato da Rem Koolhaas, espande il repertorio delle tipologie spaziali in cui l’arte può essere esposta e condivisa con il pubblico. Caratterizzata da un’articolata configurazione architettonica che combina edifici preesistenti e tre nuove costruzioni, è il risultato della trasformazione di una distilleria risalente agli anni dieci del Novecento.

Situato in Largo Isarco, nella zona sud di Milano, il complesso si sviluppa su una superficie totale di 19.000 m2, di cui 11.000 m2 saranno utilizzati per le attività espositive. L’edificio all’entrata del nuovo centro accoglierà il pubblico con due spazi nati da collaborazioni speciali: un’area didattica dedicata ai bambini e sviluppata con gli studenti dell’École nationale supérieure d'architecture de Versailles; e un bar ideato dal regista Wes Anderson che ricrea l’atmosfera dei tipici caffè di Milano.

Venezia

Ca’ Corner della Regina, built between 1724 and 1728 by Domenico Rossi for the Corner family of San Cassiano, is a Venetian palazzo overlooking the Grand Canal and located in the Sestiere of Santa Croce. It was erected on the ruins of the Gothic building in which Caterina Corner, the future queen of Cyprus, was born in 1454. The architecture echoes the style of the nearby Ca’ Pesaro designed by Baldassare Longhena. The frescoes on the first noble floor represent a series of episodes from Caterina Cornaro’s life.

Since 2011, it has been the Venetian headquarters of Fondazione Prada, which has launched 4 exhibitions in this venue until today, concurrently with a preservation and repair programme of the palazzo which is developing in several phases.

Ca’ Corner della Regina, costruito tra il 1723 e il 1728 da Domenico Rossi per conto della famiglia dei Corner di San Cassiano, è un palazzo veneziano situato nel sestiere di Santa Croce e affacciato sul Canal Grande. Sorge sulle rovine dell’edificio gotico in cui nasce nel 1454 Caterina Cornaro, futura Regina di Cipro. Lo stile architettonico richiama la vicina Ca’ Pesaro progettata da Baldassare Longhena. Gli affreschi al primo piano nobile rappresentano alcuni episodi della vita di Caterina Cornaro.

Dal 2011 diventa la sede veneziana della Fondazione Prada che ha presentato finora in questi spazi quattro mostre, in concomitanza con il restauro conservativo del palazzo che si sta attuando in più fasi.

Contact and Press

Contatti

Office:
T +39.02.54670515

Ufficio:
T +39.02.54670515

Press:
+39 02 54 67 09 81
+39 02 54 67 02 13

Press:
+39 02 54 67 09 81
+39 02 54 67 02 13